CASA MARCHESE

 

La famiglia di Vittorio Orione, nel 1873, quando il piccolo Luigi aveva pochi mesi di vita, si trasferì, dal rustico di Palazzo Rattazzi (divenuto in quell’anno palazzo Bertarelli), nella casa di fronte: casa Marchese. Ubicato nell’antico quartiere di Sant’Ambrogio, l’edificio, dotato, come quasi tutte le case del paese, di un cortile, un pozzo, un rustico con fienile e stalla, la concimaia e l’orto, ha sempre avuto un doppio accesso: sulla strada Maestra (via Emilia) e sulla strada dell’Ospedale vecchio (oggi via Bertarelli Galliani). Nella seconda metà dell’Ottocento, in paese c’erano diverse famiglie Marchese, tre delle quali risiedevano nel quartiere di Sant’Ambrogio. Nello stesso quartiere abitava anche Giovanni Chiesa, che prese in moglie Maria Marchese, figlia di Ambrogio e di Teresa Meardi. Quando Vittorio Orione si trasferì con la famiglia in questa casa Marchese, andò ad abitare in affitto al piano terra, mentre al 1° piano abitavano i proprietari: il Sig. Francesco Marchese, fratello di Maria, sua moglie Antonia Massa, alcuni dei loro sei figli e la nipote Francesca Chiesa, figlia di Giovanni e Maria, che aveva già una ventina d’anni. Fu soprattutto Francesca Chiesa, chiamata in famiglia Cecchina, ad avere gran peso nell’evoluzione morale e spirituale del piccolo Luigi. Nubile, molto religiosa, di fine intelligenza e discrete condizioni economiche, Francesca fu sempre molto legata a Luigi Orione, alla cui formazione diede un contributo importantissimo. Don Orione espresse molte volte la sua infinita riconoscenza a questa donna, che “…illuminando le anime con la sua virtù… seppe anche coltivare la vocazione di un povero fanciullo che le andava per casa, contadinello, che, dopo Dio e la Madonna Santissima, a lei deve se oggi è sacerdote…”. Tutti i membri della numerosa famiglia Marchese furono in seguito grandi benefattori delle opere di carità orionine: in particolare, oltre a Maria Marchese, mamma di Francesca Chiesa, si ricordano le donazioni alla Piccola Opera della Divina Provvidenza da parte delle sorelle Teresa e Angiolina Marchese, cugine di Francesca e qui residenti: il grande terreno da orto a San Bernardino, su cui venne poi costruito il Santuario della Madonna della Guardia con tutto il complesso degli edifici orionini, e la casa del Groppo, che divenne la prima residenza delle suore Sacramentine cieche di don Orione.

Casa Marchese il 10 marzo del 1918, ultimo anno della Grande Guerra, fu venduta dai fratelli Santo, Angiolina e Teresa Marchese ai fratelli Bigiorci di Pontecurone. Francesca era già morta da tre anni.

Dal 1921 la casa appartiene alla famiglia Manzolati.

Marialuisa Ricotti

 

FOTO GALLERY